Il pittore di cadaveri

Un’opera in tre atti che inneggia alla vita attraverso la sua assenza, declinata attraverso i suoi
personaggi principali: è così sprecata, celebrata sino a ergersi a vuota opera d’arte, fiaccata, resa
sterile.
Edward Vitavich è un artista apprezzato per la sua capacità di stupire e ravvivare le piatte vite
borghesi dei suoi estimatori. Sospeso sul ciglio dell’eccesso, rischia di veder tramutare la stima del
pubblico in disprezzo. Già tormentato da una dipendenza da alcol e farmaci, viene arrestato mentre
tenta di trafugare le spoglie del padre, che intende sottrarre alla nuda terra per farne parte
integrante di un’opera d’arte.
Liberato su cauzione, affronta una crisi artistica ed esistenziale. Ed è a quel punto che giunge
inaspettata la proposta di un ricco committente: realizzare il ritratto di sua moglie, già estimatrice
dell’artista, per sublimare in eterno la bellezza dei suoi anni fecondi.
Vitavich è inizialmente contrario: non è un ritrattista, segue l’istinto e non lavora su commissione.
Sarà il suo agente a premere affinché incontri il committente, accettando a malincuore l’incarico. Ma
Teresa, la donna del ritratto, non bussa alla sua porta per posare. Arriva immobile in una cassa,
senza vita.
Edward dovrà prendersene cura, idratarla, vestirla e agghindarla affinché recuperi le fattezze
impresse nei ricordi di suo marito. Un filo di vita scorre ancora nei suoi polsi ed è così che si
animerà solo per Edward. Affacciata alla soglia di una porta, immobile nella penombra,
ossessionerà l’artista e i suoi sogni, sino al momento in cui prenderà la parola.
La donna, che non si è mai fatta ritrarre o fotografare, è restia a concedersi. Un patto inizia così a
legarli: per ogni sua richiesta assecondata, lei gli donerà un colore. Componendo la tavolozza del
pittore, Teresa restituirà all’artista quanto a lei è stato negato: la libertà, la speranza, la fiducia di
poter generare un’altra vita.
Poserà per Edward, purché la tela racconti solo la verità: le cicatrici ai polsi, lo sguardo sognante di
una donna assediata da un uomo dispotico. Il ritratto sarà la sua ultima prigione, il suo corpo l’ultimo
simulacro. Ma il suo cuore, come quello di Chopin, sarà libero e altrove, lontano dall’uomo che l’ha
segregata e resa infeconda.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SCHEDA SPETTACOLO

Genere:

Stagione Teatrale:

Attori Protagonisti:

Ornella Muti

Autore:

Mark Borkowski

Regia:

Enrico La Manna

Attori Non Protagonisti:

Fabrizio Nevola, Duccio Camerino, Francesco Secchi, Barbara Marzoli, Cecilia Guzzardi, Antonio De Francesco

Durata:

Ripresa:

Produzione:

Immaginando

Note: