La Camera azzurra

La penna inesauribile di Georges Simenon ci
regala una storia permeata di eros e di noir che
per la prima volta approda a teatro.
“La camera azzurra” (La chambre bleue)
romanzo pubblicato nel 1963 e fortunato film di
e con Mathieu Amalric (2014), è una vicenda
archetipica ove si mescolano sensualità, paura,
pettegolezzo, omertà, tradimento e moralismo
nello scenario di una provincia francese retriva e
giudicante.
La storia, che coinvolge quattro volti sulla scena,
è quella di due amanti, Tony e Andrée, ex
compagni di scuola oggi quarantenni ed entrambi
sposati, che si incontrano nella camera azzurra
per dare sfogo alla propria passione
irrefrenabile.
Sono loro a ritrovarsi tempo dopo separati in
un’aula di tribunale accusati di aver commesso
crimini efferati, l’eliminazione di entrambi i
coniugi con modalità diaboliche.
L’interrogatorio cui vengono sottoposti per
svelare la verità e rispondere alla sete di giustizia forcaiola della comunità diventa l’occasione per
svelare non solo i meccanismi noiristici, ma per condurre un’indagine sull’umano, straordinaria
quanto necessaria.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SCHEDA SPETTACOLO

Genere:

Stagione Teatrale:

Attori Protagonisti:

Fabio Troiano, Irene Ferri, Giulia Maulucci e Mattia Fabris regia Serena Sinigaglia

Autore:

Georges Simenon

Regia:

Serena Sinigaglia

Attori Non Protagonisti:

Durata:

Ripresa:

Produzione:

Nidodiragno/CMC

Note: