L’anima buona di Sezuan

“L’ANIMA BUONA DI SEZUAN” di Bertolt Brecht, con Monica Guerritore nel

doppio ruolo della buona prostituta Shen-Te e del suo perfido ed inventato cugino. La

regia è curata dalla stessa Monica Guerritore, ispirata alla versione che Giorgio Strehler

diresse nel ’81 al Piccolo. Un nuovo allestimento – pensato per la contemporaneità

teatrale che ci circonda – ma con un legame strettissimo all’immenso patrimonio della

tradizione milanese.

NOTE DELLA REGIA Nell’Anima Buona c’è tutta la tenerezza e l’amore per gli esseri

umani costretti dalla povertà e dalla sofferenza a divorarsi gli uni con gli altri ma

sempre raccontati con lo sguardo tenero di chi comprende . Teatro civile, politico, di

poesia. Scriveva Strehler “Io non faccio “il teatro” soltanto, ma lotto contro il freddo, la

solitudine degli uomini, la durezza, la morte, soprattutto la morte e, ancora più di quella

del corpo, di quella della tenerezza umana: l’infanzia che gli uomini stanno perdendo, la

dolcezza, la responsabilità e la fraternità e anche la ribellione contro l’ingiustizia.”

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SCHEDA SPETTACOLO

Genere:

Stagione Teatrale:

Attori Protagonisti:

Monica Guerritore

Autore:

Bertolt Brecht

Regia:

Monica Guerritore

Attori Non Protagonisti:

Matteo Cirillo, Alessandro Di Somma, Vincenzo Gambino, Francesco Godina, Diego Migeni, Lucilla Mininno, Nicolò Giacalone,

Durata:

Ripresa:

NO

Produzione:

ABC produzioni - La Contrada Teatro Stabile di Trieste

Note: