STALKING MEDIA, QUANDO IL FANGO FA SPETTACOLO

Che cos’hanno in comune il caso Ciontoli, la scomparsa della piccola Maddie in Portogallo, il caso Erba, il caso Garlasco e quello del tentato femminicidio di Valentina Pitzalis?
In tutte queste vicende di cronaca nera la stampa e i social network, anziché collaborare nel ricostruire la verità, hanno celebrato un processo parallelo: quello mediatico. Quello in cui servizi giornalistici che fanno leva sulla nostra emotività, non ci dicono quello che dobbiamo sapere nei confronti di un caso, di un colpevole o di un semplice indiziato, ma quello che dobbiamo provare.
Ed è così che si crea il circo dell’orrore mediatico, l’apoteosi del populismo giudiziario: programmi tv lanciano sondaggi in cui i telespettatori devono decidere chi sia il colpevole o leggono tweet in cui semplici utenti lanciano accuse di colpevolezza sulla base di “sensazioni da casa”.
A furia di ricostruzioni tv fondate sull’emotività Antonio Ciontoli diventa il mostro più odiato della nazione, condannato alla morte sociale con la sua famiglia. A Garlasco, sull’onda della folle attenzione mediatica, nasce il caso delle gemelle K, coloro che crearono un fotomontaggio con la cugina morta per vedere le loro foto sui giornali. Valentina Pitzalis, a cui l’ex marito diede fuoco morendo lui incidentalmente, da vittima diventa sospettata di omicidio, grazie a un’infamante campagna social. Numerosi giornali britannici sono condannati a risarcire i genitori della piccola Maddie dopo averli accusati di aver drogato e ucciso la figlia. Il caso Erba viene riaperto dopo molti anni e senza alcuna prova o novità sul fronte degli indizi, “Le iene” decidono che i fratelli Castagna potrebbero nascondere una terribile verità, gettandoli nell’inferno del sospetto.
Quanto pesa la pressione mediatica su processi e quanto i social e il populismo giudiziario stanno cambiando il sistema e la percezione della giustizia?
Un viaggio non nella cronaca nera, ma nella narrazione mediatica della cronaca nera. La tv, i giornali, i social che come sostanze psicotrope alterano la visione della realtà in chi guarda la tv e legge i giornali. E nel frattempo, credendo di guardare il mostro da casa, diventiamo un po’ mostri anche noi. Quanto ne siamo consapevoli?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

SCHEDA SPETTACOLO

Genere:

Stagione Teatrale:

Attori Protagonisti:

Selvaggia Lucarelli

Autore:

Selvaggia Lucarelli

Regia:

Attori Non Protagonisti:

Durata:

Ripresa:

Produzione:

Corvino

Note: